Orchestra i Pomeriggi Musicali

0

 

BELLAGIO (CO) – Grand Hotel Villa Serbelloni – Via Roma, 1

Musiche di Mendelssohn, Beethoven

Orchestra I Pomeriggi Musicali

Gennaro Cardaropoli, violino

Fabrizio Ventura, direttore

 

 

Ingresso libero

Descrizione

 

Venerdì 21 Giugno 2019, ore 21

BELLAGIO (CO) – Grand Hotel Villa Serbelloni – Via Roma, 1

Mendelssohn, Concerto in mi minore per violino e orchestra op. 64

Beethoven, Sinfonia n. 1 in Do maggiore op. 21

Orchestra I Pomeriggi Musicali

Gennaro Cardaropoli, violino

Fabrizio Ventura, direttore

Ingresso libero

 

 

Gennaro Cardaropoli ha studiato con il M° Gigantino e ha continuato gli studi con il M° Pagliani. Si è classificato primo al Premio Nazionale delle Arti, indetto dal Ministero dell’Università e Ricerca Scientifica, quale miglior violinista, e il prestigioso Premio Abbado. Si è già esibito in importanti teatri e sale da concerto, quali: Salle Garnier – Opéra De Monte-Carlo, Auditorio Nacional de Musica di Madrid, Barocco Hall di Stoccolma, Ekaterinburg Opera House, Carnagie Hall di New York. Ha tenuto concerti in: Europa (Italia, Francia, Svizzera, Germania, Austria, Croazia, Slovenia, Principato di Monaco, Spagna), Russia (Festival Eurasia), a Kaunas in Lituania, in Africa (Tunisi – Tunisia), in Israele (TelAviv, Gerusalemme) e negli USA (Boston, Philadelphia, New York, Washington). A Lugano ha eseguito il Concerto per violino e orchestra di Ligeti diretto dal M° Tamayo. Gennaro Cardaropoli è exclusive member of the Ambassadors iClassical Academy; frequenta il Conservatorio di Lugano nella classe del M° Pavel Berman grazie alla borsa di studio dell’Associazione Suono Vivo. Ha vinto il I° posto nella trasmissione di RAI 1 Uno Mattina in famiglia – Conservatori a Confronto e il Concorso Giorgetti organizzato dalla Filarmonica della Scala di Milano. Si è diplomato con la votazione di 10/10 più lode e menzione speciale a soli 15 anni e suona il violino Carlo Landolfi, Milano 1751, della Fondazione Pro Canale di Milano.

 

Fabrizio Ventura è stato Direttore Musicale Generale dell’Opera di Stato di Istanbul e fino al 2017 Direttore Musicale Generale del Teatro e dell’Orchestra di Münster. Dopo aver diretto nei Teatri di Baden bei Wien, Klagenfurt ed al Volksoper di Vienna, è nominato nel 1989 direttore musicale del Teatro di Biel/Bienne in Svizzera; è stato primo direttore del Teatro di Braunschweig e al Teatro di Stato di Norimberga con cui ha continuato a collaborare come primo direttore Ospite. Nel 2002 è stato nominato Generalmusikdirektor al Teatro di Stato di Meiningen. Molto richiesto in campo internazionale ha diretto, fra l’altro, al Royal Opera House di Londra, al Festival di Edimburgo, al Teatro Reale di Copenhagen, di Stoccolma, all’Opera di Oslo, di Sydney, all’Opera di Stato di Praga, al Teatro dell’Opera di Roma, alla Fondazione Arena di Verona, Carlo Felice di Genova, Teatro Verdi di Trieste, Opera di Nizza, Teatro di Berna, Aalto Theater di Essen. Nel 2005 ha inaugurato il Festival di Maggio di Wiesbaden con Lady Macbeth e nel 2007 con Tiefland. Ugualmente attivo nel repertorio sinfonico, ha collaborato con numerose istituzioni orchestrali, tra le tante: Sinfonica della Radio Bavarese, Orchestra dell’Opera di Stato di Monaco, Orchestra di Stato di Stoccarda, Beethoven Orchester di Bonn, Sinfonica di Monaco, Sinfonica di Amburgo, Orchestra della Residenza dell’Aja, Orchestra da Camera di Vienna, Filarmonica di Bratislava, Orchestra da Camera di Zurigo, Sinfonica Siciliana, ORT, EUYO. Prossimi impegni in concerti con: i Münchner Symphonikern, Filarmonica di Bratislava, Orchestra I Pomeriggi Musicali di Milano, Duisburger Philharmoniker, e al Festival di Musica Antica Innsbruck, Festival Händel di Halle ed una produzione di Lucia di Lammermoor all’Opera di Montreal. Collabora con numerosi artisti, e in teatro ha lavorato con importanti cantanti e registi. È fondatore e direttore artistico del festival Musica Sacra Münster, nonché direttore artistico della Société Philharmonique de Bienne in Svizzera. Dopo aver studiato pianoforte e composizione a Roma, si è diplomato in direzione d’orchestra e di coro presso la Hochschule di Vienna. Il suo vastissimo repertorio spazia dal barocco ai nostri giorni e comprende più di 90 titoli operistici, nonché tutta la produzione sinfonica più importante. Ama fra l’altro avventurarsi su sentieri meno battuti, ne è un esempio la prima esecuzione mondiale della versione originale di Tosca nel 2013 a Münster. Le sue registrazioni su CD per la ARS hanno ottenuto ottime recensioni dalla stampa internazionale.

 

Orchestra I Pomeriggi Musicali

7 novembre 1945, ore 17.30: al Teatro Nuovo di Milano debutta l’Orchestra I Pomeriggi Musicali. In programma Mozart e Beethoven accostati a Stravinskij e Prokov’ev. Nell’immediato dopoguerra, nel pieno fervore della ricostruzione, l’impresario teatrale Remigio Paone e il critico musicale Ferdinando Ballo lanciano la nuova formazione con un progetto di straordinaria attualità: dare alla città un’orchestra da camera con un solido repertorio classico ed una specifica vocazione alla contemporaneità. Il successo è immediato e l’Orchestra contribuisce notevolmente alla divulgazione popolare in Italia della musica dei grandi del Novecento censurati durante la dittatura fascista: Stravinskij, Hindemith, Webern, Berg, Poulenc, Honegger, Copland, Yves, Français. I Pomeriggi Musicali avviano, inoltre, una tenace attività di commissione musicale. Per i Pomeriggi compongono infatti Casella, Dallapiccola, Ghedini, Gian Francesco Malipiero, Pizzetti, Respighi. Questa scelta programmatica si consolida nel rapporto con i compositori delle leve successive: Berio, Bussotti, Luciano Chailly, Clementi, Donatoni, Hazon, Maderna, Mannino, Manzoni, Margola, Pennisi, Testi, Tutino, Panni, Fedele, Francesconi, Vacchi. Oggi I Pomeriggi Musicali contano su un vastissimo repertorio che include i capolavori del Barocco, del Classicismo e del primo Romanticismo insieme alla gran parte della musica moderna e contemporanea. Compositori come Honegger e Hindemith, Pizzetti, Dallapiccola, Petrassi e Penderecki hanno diretto la loro musica sul podio dei Pomeriggi Musicali, che diventano trampolino di lancio verso la celebrità di tanti giovani artisti. E’ il caso di Claudio Abbado, Leonard Bernstein, Rudolf Buchbinder, Pierre Boulez, Michele Campanella, Giuliano Carmignola, Aldo Ceccato, Sergiu Celibidache, Riccardo Chailly, Daniele Gatti, Gianandrea Gavazzeni, Carlo Maria Giulini, Vittorio Gui, Natalia Gutman, Angela Hewitt, Leonidas Kavakos, Alexander Lonquich, Alexander Igor Markevitch, Zubin Mehta, Carl Melles, Riccardo Muti, Hermann Scherchen, Thomas Schippers, Christian Thielemann, Salvatore Accardo, Antonio Ballista, Arturo Benedetti Michelangeli, Bruno Canino, Dino Ciani, Severino Gazzelloni, Franco Gulli, Nikita Magaloff, Nathan Milstein, Massimo Quarta, Maurizio Pollini, Corrado Rovaris e Uto Ughi. Tra i Direttori stabili dell’Orchestra, ricordiamo Nino Sanzogno, il primo, Gianluigi Gelmetti, Giampiero Taverna e Othmar Maga, per arrivare ai milanesi Daniele Gatti, Aldo Ceccato e Antonello Manacorda. In alcuni casi, la direzione musicale è stata affiancata da una direzione artistica: in questa veste Italo Gomez, Carlo Majer, Marcello Panni, Marco Tutino, Gianni Tangucci, Ivan Fedele, Massimo Collarini e, dal 2014, Maurizio Salerno. L’Orchestra I Pomeriggi Musicali svolge la sua attività principalmente a Milano e nelle città lombarde, mentre in autunno contribuisce alle stagioni liriche dei Teatri di Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Mantova, Pavia, e alla stagione di balletto del Teatro alla Scala. Invitata nelle principali stagioni sinfoniche italiane, l’Orchestra è ospite anche delle maggiori sale da concerto europee. I Pomeriggi Musicali sono una Fondazione costituita dalla Regione Lombardia, dal Comune di Milano, dalla Provincia di Milano, e da enti privati, riconosciuta dallo Stato come istituzione concertistico-orchestrale e dalla Regione Lombardia come ente primario di produzione musicale. Sede dell’Orchestra I Pomeriggi Musicali è lo storico Teatro Dal Verme sito nel cuore di Milano.